• 1956 - 1972

  • IL BAMBINO
    CHE DISEGNAVA
    SOGNI
    Jacqueline Model insieme alla figlia Christine
     
     
    1956 -

    Philippe Model nasce a Sens, non lontano da Parigi, nel 1956 da una famiglia agiata. Suo padre, figura molto autoritaria, ha un'azienda di successo nel settore della conceria.

    La sorella maggiore Christine, divenuta poi direttrice della Gallimard Jeunesse, è subito colpita dallo straripante talento di suo fratello e lo elegge cosí protagonista ricorrente dei propri temi a scuola.

    Ma è la madre Jacqueline, che con la sua innata eleganza e passione per le arti dà ampio respiro allo sguardo curioso del giovane Philippe.

    Yves Saint Laurent
    1972 -

    A 16 anni Philippe prende coraggio, si reca al 16° arrondissement e personalmente consegna a Yves Saint Laurent alcuni fiori realizzati in pelle.

    Un successo oltre le aspettative! Lo stilista li inserisce da subito nella propria collezione di Haute Couture.

  • 1978 - 1989

  • L'ARTISTA
    DIVENTA
    BRAND
    1978, Philippe Model nel suo Atelier
     
     
    1978 -

    A soli 22 anni Phillippe fonda la Philippe Model Paris. Immediatamente le sue creazioni ricevono l'attenzione di iconici stilisti quali Jean-Paul Gaultier e Claude Montana. Cosí Philippe mette a disposizione il proprio estro per gli accessori, confrontandosi da subito con le Maison più celebri.

     
     
    1980 -

    Il sogno creativo dell'artista si sposa pienamente con il saper fare. Lo "sporcarsi le mani", plasmare la materia, trovare soluzioni innovative direttamente sul campo gli valgono il riconoscimento come miglior artigiano di Francia nel 1981.

    audrey hepburn
    1981 -

    L'occasione di fare uno stage nel regno di quella che fu definita "la regina delle modiste, la modista delle regine" Pauline Antoinette Adam in arte Paulette, per Philippe è un'occasione per il suo più ambizioso progetto: riportare il cappello sulla testa di ognuno.

    Adorata da star come Audrey Hepburn, Greta Garbo, Marlene Dietrich, Paulette rimane la più grande creatrice di copricapo del '900.

     
     
    1982 -

    La prima scarpa Icona della Philippe Model, l'Elastique. Una calzatura che diventa il simbolo di moderna femminilità anticipando un ideale di comfort poi esteso alle future sneakers.

     
    1983 -

    Apertura della prima boutique Philippe Model a Parigi nella centralissima Place Marché St. Honoré.

    La fama dello stilista che diviene brand aumenta, senza però rinunciare a strategiche partnership e collaborazioni.

     
     
    1984 -

    Grande spinta allo sviluppo è data da Laurence, la sorella maggiore, che affianca Philippe e lo ispira come musa.

    Laurence introduce Philippe a diverse personalità dell'epoca tra cui Jean-Louis Dumas, presidente di Hermès dal 1978 al 2006. Collaborando realizzano molti copricapo per le rinomate corse di cavalli del Prix de Diane a Chantilly.

  • 1990 - 2000

  • CREARE,
    PER UN ALTRO
    MONDO
    Creare per un altro mondo
     
     
    1990 -

    Il personale modo totale di creare, spinge Model ad ideare veri e propri spettacoli durante le sue presentazioni nella Suite Royale dell'Hotel Meurice, la stessa in cui Salvador Dalí è solito passare almeno un mese da oltre trenta anni.

    L'uso creativo degli spazi, reinventandoli infinite volte, pone Philippe sotto la luce anche per quanto riguarda l'interior design, un settore per cui sarà sempre più richiesto.

    1991 -

    Model è attratto dal potere quasi magico che hanno gli accessori nell'enfatizzare o trasformare la personalità di chi li indossa. Come un grande attore teatrale è chiamato ad interpretare l'universo stilistico anche di altre celebri maison arricchendole delle proprie intuizioni creative.

     
     
    1991 - 1994

    Collaborazioni per Lanvin, Kenzo e Dior

     
     
     

    L'attenzione dei media.

     
     
    -

    La consacrazione internazionale raggiunge l'apice quando alcune creazioni della Philippe Model entrano a far parte delle collezioni del Metropolitan Museum of New York, della National Gallery of Australia e di altri musei in Francia, Olanda e Spagna.

    A Parigi, invece riscuote grande successo la mostra "Philippe Model, Scenes de Mode" organizzata dalla Fondazione Cartier per l'Arte Contemporanea.

  • 2008 - Oggi

  • UN
    NUOVO
    PALCOSCENICO
    La nascità delle sneakers
     
    2008 -

    Durante un viaggio nella Riviera del Brenta, dai sapienti artigiani selezionati negli anni, Philippe Model incontra il designer Paolo Gambato. I due dopo un veloce scambio, nel quale manifestano simili visioni, si mantengono in contatto fino a quando dopo alcuni mesi Gambato propone a Philippe di sviluppare insieme delle sneakers.

    Fino a quel momento è un prodotto inedito per la Maison. Philippe valuta il mercato maturo per poter apprezzare sneaker ricercate e rigorosamente 100% made in Italy ... è un successo!

     
     
    100% Made In Italy -

    Ogni scarpa Philippe Model è la sintesi perfetta tra classe francese e qualità italiana.

    Dal taglio del pellame all'unione manuale della suola, ogni singolo passaggio avviene nei laboratori italiani del brand. Le piccole differenze tra una sneaker e l'altra sono da considerarsi come il risultato finale di procedure manuali che rifiutano una produzione industriale asettica e la massificazione dello stile.

     
     
    2017 -

    Accanto al prestigioso showroom parigino, nel 2017 Philippe Model inaugura un nuovo spazio di 700 metri quadrati nel quadrilatero di Milano, punto di riferimento internazionale del brand.

     
     
    2017 -

    Nel 2017 come previsto dal piano di crescita internazionale intrapreso da Philippe Model avviene l'apertura del primo store monomarca nel cuore di Milano.

  • Le Creazioni

  • TIMELESS
    CODES
    LE BLASON
    L'essenza di Parigi
    Un'interpretazione stilizzata dello stemma di Parigi cucito a mano su ogni calzatura, le Blason racchiude ed esprime l'essenza di Philippe Model. Un simbolo forte e riconoscibile, che in ogni sua declinazione rappresenta epoche e luoghi diversi, tradizione classica parigina e alto artigianato italiano.
    DESSINS
    Homage a Le Papiers Peints
    Il mondo della carta da parati, della stampa ludica e onirica, quei liberi voli della fantasia che sono Le Papiers Peints alle quali Model ha dedicato un'intero volume, si depositano gioiosi sulle creazioni della Maison. Un territorio di possibilità inaspettate, tra audaci sovrapposizioni materiche, si svela all'orizzonte.
    PARIS
    La senza tempo
    Paris sneaker, il super classico della Maison. Design semplice e lineare che mostra combinazioni di materiali e texture sempre nuove e inconfondibili.
    TROPEZ
    Fashion e Versatile
    Ispirata agli itinerari affascinanti della Costa Azzurra, Tropez sneaker è un modello iconico che evoca un lifestyle dal gusto esclusivo.
    PETITE MODEL
    Praticità e Design
    Una borsa a mano "Petit" di nome e di fatto, in cui ogni particolare è studiato per valorizzare praticità attraverso il design. La chiusura con le Blason impreziosito da lavorazione Guilloché conferisce alla borsa un'aura di elegante nobiltà.